Se l'uomo è ancora parte della Natura - Orizzonti
     
 
  HOME Redazione Pubblicità Contatti   Sabato 16 Dicembre 2017  
 

Tutte le News
Cronaca
Politica
Economia
Cultura
Società
Sport
Eventi
Spettacolo
Tempo Libero
Coming Soon
I nostri editoriali
I nostri consigli
Le nostre interviste
Galleria Fotografica
Video
Links
Giornale
Rss
 
Le Città degli Erei
Piazza Armerina
 
News

Se l'uomo è ancora parte della Natura

26/07/2012 -

Soffriamo per la concezione utilitaristica che vede la natura come un mero mezzo, uno strumento al servizio dell`uomo per perpetrare la sua causa, che serve solo per produrre ossigeno, indispensabile per respirare. La natura come oggetto pronto all`uso, per cui l`uomo si sente il diritto di soggiogarla e dominarla. La nostra politica è morta ha ceduto il suo primato all`economia!! Non c`è più la concezione del politico che si preoccupava del bene dei cittadini. Tutto è ripiegato al consumo&interesse personale&strumento nelle mani dell`uomo&il bosco è jogging per il benessere personale, ricatto elettorale o  ammonimento mafioso ..non si capisce che quello in cui viviamo e tutto ciò che è al di fuori di noi ha comunque un valore, indipendentemente dal fatto che ci sia un «qualcuno» che glielo attribuisce.

Adesso basta abbiamo bisogno di essere rieducati alla sensibilità, al riconoscimento della parità di piani concettuali tra l`uomo e la natura.

Dove è finita l`idea dell`immanenza del divino per la quale ogni essere è permeato dal divino e come tale è rispettato e sacralizzato?

Dove possiamo ritrovare quel legame naturale che l`uomo aveva con la natura??

Forse ci potrà aiutare comprendere meglio il significato della parola «NATURA»&. deriva dal neutro plurale del participio futuro del verbo latino nascor che vuol dire nascere. Natura è l`insieme delle cose che nasceranno. Da qui la dolcissima analogia tra la natura e la figura materna, la figura della donna, la dea-madre generatrice di ciò che verrà ad essere. La natura dà nutrimento e sostenta le sue creature.

L`uomo è immerso nella natura pur strutturandosi come un essere culturale in grado di incidere su di essa per potervisi adattare o per adattarla ai suoi bisogni. Ma l`adattamento non può stravolgere  il senso proprio del legame oggettivando la natura stessa e considerandola un oggetto.

L`uomo ha dimostrato una completa assenza delle doti di consapevolezza e quindi di responsabilità perdendo il senso del limite, delegando alle generazioni future la gestione di catastrofi sociali, naturali, culturali. E` l`oggi il tempo in cui si deve recuperare quella stessa sintonia e rispetto che condannava colui che bruciava un albero senza preciso scopo, che uccideva un animale senza motivo o deturpava quel mondo di cui egli stesso era una piccola parte integrante.

 

La Loggia del Bosco


visualizza la news stampabile in PDFVersione PDF stampabile Condividi questa news su FacebookCondividi su Facebook  Indietro

 

 

Links Utili
Orizzonti on Facebook
 
Orizzonti - Edizione online del periodico Orizzonti.
Testata giornalistica registrata con il n. 45 del 6 ottobre 1983 del Tribunale di Enna. Direttore Responsabile dott. Maurizio Prestifilippo

Via Roma 65 - 94015 Piazza Armerina - e-mail: info@orizzontierei.it